Annunci

ALTRUISMO NON ALTRUISMO: UN PROBLEMA SOCIALE?

Caro lettore, sai cosa significa il termine altruismo? Con altruismo (dal latino alter, «altro») si indica l’atteggiamento e il comportamento di chi ha la qualità (morale) di interessarsi al benessere dei propri simili. […] Il concetto opposto è l’egoismo. (citazione estratta da Wikipedia).

Quindi in parole povere, A per star bene con sé stesso aiuta B così da far star bene anche lui.

raccolta fondi - dar gioia dà gioia

Ti starai chiedendo “perché l’argomento di oggi è l’altruismo? Di solito parli di passioni, di fotografia o di come farti venire in mente idee “decenti” per ottenere risultati altrettanto soddisfacenti. Beh, semplice. Da un po’ ho sentito parlare su Facebook della possibilità di avviare una raccolta fondi per te stesso, per un amico o per un’organizzazione no profit. Tu metti l’importo di cui hai bisogno, la data di fine della raccolta, un titolo “breve e accattivante”, come ti suggerisce Facebook, la tua storia e infine, messa l’immagine, inviti qualche amico e condividi sul tuo profilo personale il post. Ho deciso di condurre un esperimento a riguardo, attivando la mia raccolta, avviata il 23 febbraio con termine previsto per il 9 marzo 2018, ovvero oggi. Non ho inventato una situazione fantasiosa per cercare di accumulare soldi, ma mi sono limitata a raccontare quella che rappresenta la mia situazione attuale. Ho cercato di scrivere il messaggio nel modo più chiaro e compassionevole.  Come si può vedere dall’immagine, il donatore può scegliere l’importo da donare tra le opzioni sotto indicate oppure cliccare sul bottone “Fai una…”, si apre una finestra nella quale l’altruista può digitare la somma che può e desidera donare. A seguito ci sarà una sorta di diario di bordo che ho scritto personalmente, giorno per giorno, quella volta che andavo a visualizzare eventuali “cambiamenti”.

23 febbraio

  1. Ciao lettore, oggi è il 23 febbraio e fuori c’è più freddo che mai. Il grande vento proveniente dal gelo della Siberia, si fa sentire. Ho attivato la raccolta fondi questa mattina alle ore non mi ricordo ma era mattino e non troppo tardi. Ora sono le 00.00 quindi in teoria avrei dovuto scrivere 24 febbraio e non 23, ma i risultati della giornata riguardano il giorno in data. Ho invitato alcuni amici per poter condividere il post e, una volta resolo visibile a tutti, i risultati sono 0 €. Questa giornata non si è conclusa con enormi successi ma sarà anche perché ho appena pubblicato il tutto e magari ci vorrà un po’ di tempo.

Amici: 0      Lista amici di Facebook: 0    Qualsiasi altro utente di Facebook: 0

24 febbraio

  1. Buongiorno, sono le 00.15 di domenica mattina. Non voglio perdermi in chiacchiere per spiegare quanto il freddo stia peggiorando a dismisura. I risultati di oggi, hanno confermato ogni presentimento che avevo riguardo ai risultati di oggi: ancora 0 €. A questo punto mi chiedo se sia questione di tempo o se la gente, in momenti come quelli che stiamo passando, sia pervasa da un forte sentimento di egoismo. È un problema individuale o intellettuale e sociale? Ho girato e cazzeggiato su Facebook e preso visione ad alcune raccolte fondi, di paesi americani, inglesi e europei, in cui le raccolte fondi non solo sono terminate sorpassano addirittura il budget richiesto di qualche migliaia di euro, o qualsiasi sia la moneta del paese in questione, ma i post sono anche stati bombardati da commenti solidali, like, e condivisioni in pochissimo tempo, stesso tempo che ho impiegato io per ottenere nuovamente,

Amici: 0      Lista amici di Facebook: 0     Qualsiasi altro utente di Facebook: 0

Non so se si tratta ancora di questione di tempo, ma l’esperimento si sta sviluppando come purtroppo pensavo e ogni sospetto avuto fino adesso, si sta spostando sulla sfera sociale, non c’è altruismo tra i propri compaesani. No c’è quell’affetto che in altri posti del mondo è forte e solidali mentre qui è totalmente assente. Se non sei qualcuno non hai le stesse possibilità di altri. Concetti come quelli di Nietzsche “Non dimenticare che dare gioia dà anche gioia”, si sfumano fino a nascondersi del tutto nella trasparenza.

25 febbraio

  1. Caro lettore che dire, anche nella giornata del signore l’altruismo non si è fatto vedere… si vede che a messa avevano atro di cui chiacchierare

Amici: 0     Lista amici di Facebook: 0      Qualsiasi altro utente di Facebook: 0

26,27 e 28 febbraio

  1. Per non farti perdere tra le parole che tappezzano i fogli di questo articolo, mi limito a raggruppare il forte non incremento della situazione, in un unico paragrafo:

Amici: 0      Lista amici di Facebook: 0     Qualsiasi altro utente di Facebook: 0

Dal 1 marzo al 9 marzo

  1. Caro lettore, oggi è l’ultimo giorno della raccolta fondi (che presumo termini a mezzanotte) e so che questo doveva essere un diario di bordo e quindi dovevo scrivere giorno per giorno, ma visto l’andamento della raccolta ho deciso di raggruppare gli ultimi 9 giorni in un unico punto perché siamo ancora al risultato di 0 euro.

Amici: 0      Lista amici di Facebook: 0      Qualsiasi altro utente di Facebook: 0

Vorrei concludere questo post con un’affermazione chiara, che lascia a tutti quella soddisfazione che si ha come quando un film finisce come speravi o come quando finalmente arrivi all’ultima pagina di un libro; ma sebbene lo voglia fare, non ci riesco. Continuo a domandarmi: “perché in America, Inghilterra e altri posti, c’è tanta solidarietà, arrivano aiuti da ogni utente, e qui non è la stessa cosa?”, “ho pubblicato tutto correttamente come gli altri, ho addirittura invitato, alla raccolta fondi, una ventina di persone in più. E allora perché gli altri hanno superato le loro aspettative mentre io l’unica aspettativa superata è quella in senso negativo?”. Che ci sia davvero questo “altruismo non altruismo” tra amici, compaesani? È un problema di società o ho chiesto alle persone sbagliate? È solo in Italia questa carestia di bontà od è un fattore più importante e pesante? Io non riesco a dare una risposta precisa e che non sia deludente soprattutto per me, se tu riesci a fornirmi una qualche informazione in più o una risposta che si possa aggiudicare il titolo di “risposta migliore”, allora commenta pure sotto all’articolo o fallo su Facebook o se non vuoi farlo pubblicamente, puoi farlo privatamente inviando una e-mail, ti risponderò il prima possibile    ( quasi immediatamente )

Scritto da Ary

Annunci

4 thoughts on “ALTRUISMO NON ALTRUISMO: UN PROBLEMA SOCIALE?”

  • Daniele Corbo (Orme Svelate)

    9 marzo 2018 at 16:15

    Anche la nostra associazione Orme Svelate, che offre dei servizi in maniera gratuita ed ha dei progetti per crescere, difronte alla richiesta di offerte ha sempre risposte inesistenti… credo che sia una questione di “contatti giusti” e di costruzione dell’immagine. Chi dona deve sentirsi appagato in qualche modo, non conta tu quanto soffra e che azione meritevole tu faccia, conta far sentire importante e parte di qualcosa di grande il donatore. In ogni caso è molto triste…andare avanti ad aiutare gli altri è dura in mezzo all’indifferenza della gente e delle istituzioni, spero che qualcosa cambi! Ciao Arianna

    Reply
    • AriannA, Martina, Rakel

      9 marzo 2018 at 20:34

      appoggio in pieno la tua opinione e confermo la mia citazione che per riuscire a fare una cosa devi essere qualcuno. Io ho tentato lo stesso per vedere fino a che punto arriva l’indifferenza ma mai mi sarei aspettata di arrivare a 0 euro in 15. Il bello è che in questione ci sono anche amici stretti… e vorrei proprio scoprire i segreti di tutti quei personaggi che riescono in tutto 🙁 grazie mille per il tuo commento Daniele e mi hai tirato su il morale perché pensavo di aver sbagliato qualcosa io ma invece è un fatto “sociale”.

      Reply
  • Daniele Maura

    13 marzo 2018 at 14:52

    Ciao Arianna, ho letto il tuo articolo e spero di leggerne altri. In ogni caso non credo che il “Problema Sociale” di cui parli, pur esistendo, sia delle proporzioni da te descritte. L’esperimento è interessante ma fallace nel metodo. Il primo ostacolo è il pubblico al quale ti sei rivolta, gli amici. Gli amici ti conoscono, conoscono la tua storia, le tue esigenze, i tuoi problemi, gli amici quelle veri almeno. In pratica sanno chi sei, e se tu avessi veramente avuto bisogno di denaro, gli amici veri, non avrebbero certo aspettato una tua raccolta fondi su facebook, ma si sarebbero offerti spontaneamente. L’altro punto che ritengo errato è il fatto che tu combatta per una causa personale, che non va oltre il tuo individualismo. Se avessi avviato una raccolta fondi per conto di un altra persona, di un gruppo di persone, o per una causa sociale che andasse oltre la tua persona, probabilmente i risultati sarebbero stati differenti. Le mie vogliono essere delle semplici critiche costruttive. Da quel che leggo sembra piacervi la fotografia e questa meravigliosa arte potrebbe esserti utile per continuare nel tuo interessante esperimento sociale senza fermarti al primo insuccesso. Io sono una persona molto sensibile alle tematiche ambientali, ecco, potresti per esempio documentare, grazie alla fotografia, delle situazioni di grave disagio, esempio discariche abusive nella tua città e nel tuo quartiere, parlarne con gli enti locali ed avviare una raccolta fondi per riqualificare la zona. Oppure sistemare un parco giochi per bambini magari abbandonato al degrado. Cose del genere. Continua con il tuo esperimento ma non abbatterti di fronte agli insuccessi, cerca di trovare un motivo, una nuova ispirazione e continua. Scusami non volevo essere invadente. Buon Lavoro.

    Reply
    • AriannA, Martina, Rakel

      15 marzo 2018 at 18:28

      Grazie mille per il commento, lo trovo
      veramente di inspirazione. Hai dato un consiglio utilissimo e credo proprio di procedere in tale direzione e di pubblicare
      nuovamente sull’argomento, cambiando la tematica da individualista ad altruista. Grazie mille per aver commentato, Ary 🙂

      Reply

Rispondi

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: