Pubblicato il

Google Earth

Caro lettore, quante volte ti sarà capitato di vedere foto sensazionali di luoghi sparsi nel mondo, al dir poco “da mozzare il fiato”? Molti blogger e fotografi, si dedicano alla sola ed esclusiva condivisone di immagini dei posti che visitano, per condividere con tutti noi le loro esperienze “naturali” . Altrettante numerose sono le pagine che tappezzano i social con le loro foto, alcune modificate ma veramente stupefacenti. Hai pensato anche te di iniziare un progetto che riguardasse la realizzazione di una pagina o un blog che avesse come soggetto “il mondo”, ma hai sempre accantonato l’iniziativa per mancanza di materia prima (in tutti i sensi, foto a sufficienza e money)? Allora rilassati, credo di avere la soluzione giusta che può risolvere il tuo problema: hai mai sentito parlare di Google Earth? Si tratta di un software, di proprietà di Google da 14 anni, che ti permette di poter letteralmente visitare il mondo, ottimizzato da alta qualità delle immagini e la visione tridimensionale, migliorata anch’essa per fornire all’utente un’esperienza “elevata al massimo”. Con questa funzione ti sarà infatti possibile visitare edifici e monumenti di fama mondiale, come se ci fossi davanti. Il programma lo puoi trovare disponibile nella versione per desktop per sistemi operativi quali Windows, Linux e Mac, e per dispositivi mobili aventi come sistema operativo Android o iOS. Per i dispositivi mobili, puoi scaricare gratuitamente l’app direttamente dal Play Store (Android) ed App Store (iOS). Sono state rilasciate altre due versioni del software dalla società Google: Google Earth Plus (a pagamento, è stato rimosso nel 2008) e Google Earth Pro (reso gratuito nel 2015).

Arrivati a questo punto dell’articolo e finita la nota introduttiva, ti starai chiedendo “Si ok, è una cosa carina ma che ci faccio io? Perché dovrebbe essere la soluzione giusta?”. Beh lascia che ti spieghi ancora un paio di cose. Con Google Earth non solo puoi esplorare il mondo avventurandoti in luoghi sconosciuti e misteriosi, ma potrai salvare le immagini che trovi (se libere) e condividerle sul web. Accedere è molto semplice: entrare dal web (effettuando la ricerca direttamente da google) o dall’app è praticamente la stessa cosa, sebbene l’interfaccia sia diffrente, i comandi e le icone sono uguali. Una volta che sei entrato nel mondo di Google Earth, se è la prima volta, ti accoglierà una breve guida suddivisa in 5 passaggi che ti permette di capire le funzionalità principali: come prima cosa puoi cercare un luogo preciso o affidarti a Google grazie all’icona “mi sento fortunato”.

Screenshot
Dall’ultima a sinistra: Cerca, Timone (consente di accedere ad una serie di articoli rigurdanti cutura, viaggi ecc), “ti senti fortunato” e fotocamera.

Come secondo passaggio potresti scegliere la dimensione con il quale vorresti visualizzare il luogo scelto.

Parigi
1. Parigi, Tour Eiffel                                                                   2. 3D

Se preferisci una foto in 2D vista da davanti, seleziona l’omino che vedi sopra la dimensione, scegli l’angolazione giusta e trascina l’omino sul punto (nel caso Pc) o premi con il dito (nel caso cellulare e tablet). Quando cerchi il luogo e clicchi “sull’omino” Screenshot per vedere l’immagine a 360°, effettui come un atterraggio, sulla mappa potrai notare linee blu e pallini blu; i pallini blu indicano che quel posto è già stato “preso” da un altro utente e che quindi non è libero, la stradina blu indica invece che, lungo il tragitto, è tutto libero.  Fatto questo passaggio entri nello “Street View”, dove avrai una visione a 360°. Come salvare l’immagine? Google, nella guida,  ti suggerisce di cliccare o premere su “File” e seguire le voci “Salva” e “Salva immagine”.

Personalmente io ti consiglirei una piccola scorciatoia: fare screenshot. Cosa può essere più veloce e leggero di uno screenshot? Ti basterà cercare il posto, muovere l’immagine, verso l’alto, fino a nascondere le frecce tipiche dello Street View e fare lo screen.

tour eiffel
Google, ©2015Google

L’elemento che hai creato è condivisibile sul tuo sito o social però non lo potrai utilizzare per, come li chiama Google, “Scopi commerciali”, ovvero puoi pubblicare la foto da te salvata ma non potrai utilizzarla per scopi di vendita o per cercar di aumentare il numero delle entrate. Se vuoi poter condividere la tua foto, modificata o meno, Google ti ricorda inoltre che è bene, e molto importante, non dimenticarsi di aggiungere, ad ogni foto ricavata dal software, le “Attribuzioni”, che devono essere visibili, non in dissolvenza o inserita nei titoli di coda. Se ti stai chiedendo “Cosa s’intende con il termine “Attribuzioni”? La risposta è molto semplice da dare. Per attribuzioni, Google intende tutte quelle diciture che informano che le immagini in questione non sono di proprietà diretta dell’utente che le ha condivise, ovvero te, ma che sono di proprietà di Google e dei fornitori di dati. Nel caso di Google Earth i fornitore di dati si possono trovare in basso.

Screenshot
In basso a destra: coordinate Al centro: marchio di Google In basso a sinistra: attribuzione di fornitore di dati (©2018 Google).

Il testo delle attribuzioni può essere nascosto dalle immagini, quando risulta particolarmente invasivo, purché sia inserito nello stesso modo in cui è stato generato da Google, come ad esempio nelle didascalie di foto (vedi sopra).

Termina anche oggi il nostro vaggio! 😀 Qui di seguito ti lascio in video tutorial fatto dal team di Kapture YouR Life,  nel quale verrà mostrato una ricerca di foto aventi  attribuzioni appartenenti a Google e una foto registrata da un altro utente Google.

 

 

Se non  ti è chiaro qualcosa, non mi sono spiegata bene o vuoi qualche consiglio su come iniziare l’esplorazione del mondo attraverso questo software, scrivi un commento oppure mandami una e-mail   all’indirizzo che trovi cliccando sul link, sarò più che felice di rispondere ad ogni tuo quesito :).

Per poter utilizzare questo incredibile servizio offerto da Google, ti consiglio vivamente si consultare le varie guide dedicate al rispetto della normativa di Google, inserire sempre le attribuzioni dovute nelle foto o in didascalia (così come segnato da Google) e di non utilizzare mai le foto ricavate dal servizio per scopo di vendita e/o per aumentare le entrate nel vostro sito web, blog o pagina social. Sempre meglio evitare qualsiasi tipo di fraintendimento.

Scritto da Ary

Annunci

2 pensieri su “Google Earth

  1. In genere lo utilizzo per pianificare le mie uscite fotografiche, esplorando i percorsi migliori per raggiungere delle mete, oppure per curiosare.. In alcuni casi ho scoperto dei posti incredibili grazie a Google Earth 😊

    1. Infatti è molto utile. Adoro Google Earth e lo Street View 😇

Rispondi